Il M5S Procida vi aspetta stasera con la prima #direttacinquestelle

Questa sera, Lunedì 20 Ottobre, alle ore 21:00 ci sarà la prima diretta streaming del Movimento 5 Stelle Procida.

image

Si tratta di un appuntamento grazie al quale, ci incontreremo,  per commentare le proposte ricevute nella “scatole delle idee” di domenica scorsa, per parlare del panorama politico odierno (anche in virtù della presentazione del progetto “La Procida che vorrei”, di ieri sera) e per rispondere alle domande che ogni utente vorrà porre. Tutto ciò avverrà in video e, soprattutto, in diretta grazie a un Hangout. Continua a leggere

Un Sogno in… Comune. Elezioni 2015

Si può dire che a meno di un anno dalle prossime elezioni comunali, sull’isola di Procida è già campagna elettorale. È cominciata la danza delle liste e il balletto dei PORTATORI, più o meno SANI, di voti.

image

Per ciò che ci riguarda la domanda più frequente che ascoltiamo tra i cittadini è: i cinquestelle che faranno? La risposta la può dare solo la cittadinanza.

La nostra speranza e il nostro desiderio è di dare vita ad una lista, con un nostro programma che sia quello dei procidani,  quindi VOSTRO, costruito in modo PARTECIPATO, che sia quello delle speranze fattibili e delle verità belle e brutte di quest’isola, da affrontare e MIGLIORARE.

Ma ciò che più conta per noi è far capire ai cittadini che la partecipazione personale è la migliore garanzia per il bene del proprio comune .

Per noi e’ importante dimostrare, con il nostro lavoro sul programma, che ci SIAMO, che siamo convinti che le cose, anche se a fatica, possano CAMBIARE, che l’onesta può tornare ad essere un valore importante .

A dispetto di chi ci accusa di collusioni, fanatismo, o estremismi, di chi ci giudica senza conoscerci, o senza averci neanche parlato; noi vogliamo esserci con tutti voi per un cambiamento vero.

VOGLIAMO ESSERCI per sensibilizzare ogni cittadino verso quell’AttiVismo che è una delle poche strade (se non l’unica) per garantire una politica onesta, per essere al servizio di chi vuole un paese migliore.

Per noi la Politica non è assicurarsi un posto di lavoro, o un favore in caso di bisogno, ma impegno comune in trasparenza assoluta, al servizio della città.

Non chiederemo MAI voti ma partecipazione e sostegno, affinché i nostri sogni senza calcoli e secondi fini siano anche i vostri e perché i vostri bisogni siano il nostro impegno.

Per noi Procida potrà cambiare solo comprendendo le reali esigenze di tutti, e cercare di trovare soluzioni che non calpestino la dignità di nessuno con clientelismi e favoritismi vari.

Hanno investito il gruppo del  Meetup di Procida del ruolo di lista civetta, di bastone tra le ruote , di dispersori di voti sani, ed e’ ovvio che è già diventato l’alibi e la giustificazione dell’eventuale sconfitta di qualcuno.
Vogliamo ricordare che le elezioni non si perdono per colpa di altre idee, ma per i mancati meriti, o la sfiducia che si genera.

Quindi convinceteci che si può fare e che si deve fare qualcosa di realmente sano, onesto e trasparente per risollevare quest’isola, e noi saremo i primi a LOTTARE.

Comunicato politico numero due.

Domani #FirmaDay a Procida per il M5S alle elezioni Politiche 2013

20121222-175033.jpg

Domani mattina a Procida in piazza Marina Grande dalle ore 9 alle ore 13 sul piazzale antistante la chiesa della Pietà si terra’il #FirmaDay (Massacro tour), per raccogliere le firme per la presentazione della Lista del Movimento 5 Stelle alle elezioni politiche 2013. Saremo presenti con gli attivisti del MoVimento 5 Stelle per rispondere ad ogni dubbio o domanda ed assistervi in ogni modo per l’apposizione della firma. Continua a leggere

Io voto Movimento cinque stelle!

di  Roberto Fico

E’ chiaro che sono di parte ma ci tengo a dire perché io voto il movimento cinque stelle.

Voto il movimento perché è una rete di cittadini veramente liberi e dietro di loro puoi vedere solo la forza delle idee.

Voto il Movimento perché alle parole corrispondono le azioni, dal muoversi in bicicletta fino alla raccolta dell’olio esausto, al rispetto degli altri sempre e comunque.

Voto Movimento perché non ci sono soldi e quindi c’è solo la politica, il ritorno al significato splendente della parola politica. Continua a leggere

Gli indifferenti

Quando vedi quello sguardo senti subito che ti compatiscono. Non capiscono perché lo fai, cosa ci guadagni a cercare di cambiare le cose. Rifiutano il volantino che gli dai. Non firmano per l’acqua pubblica o per l’aria pulita o per la salvezza di un parco cittadino. Se denunci i guasti italiani non ti ascoltano, i loro occhi ti trapassano come un laser. Hanno fretta, hanno sempre fretta. Passano oltre come se fossi un mendicante molesto.Ti dicono graziegraziegrazie (i più gentili) senza neppure ricambiare lo sguardo. Domani, per loro, è sempre un altro giorno che DEVE essere uguale agli altri. Nulla deve turbare la loro pace, qualunque cosa significhi pace, anche pace eterna. Hanno accettato tutto, da Andreotti a Craxi a Berlusconi passando per D’Alema e Bossi. Hanno preso la pillola blu, forse per sbaglio, forse per bisogno di sicurezza. Ma quanti sono gli indifferenti in questo dannato Paese? E come è possibile smuoverli? Talvolta mi chiedo chi me lo fa fare e, tra le tante ottime ragioni, una è quella di non diventare come loro.

http://www.beppegrillo.it/2011/01/gli_indifferenti.html

Comunicato politico numero quaranta

A ondate successive, anno dopo anno, si riesce a parlare del nulla per evitare di parlare del tutto. E’ una ripetizione di D’Addario, Papi, Bunga Bunga, Villa Certosa, Cognato di Fini e Topolanek con il pisello di fuori. Questo non è giornalismo e neppure politica. E’ informazione dal buco della serratura, dalla tazza del cesso, da giornalismo diventato reality show. Duale, nel silenzio sui temi importanti, della politica mafiosa degli ultimi vent’anni. Siamo seri, sono più importanti le rivolte di Tunisi e di Tirana, la disoccupazione, il debito pubblico che si avvia alla cifra folle di 2.000 miliardi o le tette al vento di alcune ragazze ospiti di Berlusconi? Per vendere le copie di un quotidiano tira più un pelo di Ruby che la distruzione economica dell’Italia. Quando non produrremo più nulla come mangeremo? Tra i Paesi occidentali siamo diventati il primo per emigranti. Se un ragazzo esce dalla Bocconi o dal Politecnico di Torino non trova lavoro. L’innovazione è sepolta dopo la morte dell’Olivetti, il coma profondo di Telecom e l’azzeramento del settore informatico. E dobbiamo dedicarci alle scopate di un vecchio satiro 24 ore su 24? Siamo un Paese impazzito, fuori di sesto e di senno, senza voce. A Milano si muore per lo smog, migliaia di persone sono ricoverate ogni anno, siamo fuori da qualunque parametro della Comunità Europea, ci aspetta una multa di 4 miliardi di euro. Non è una notizia da prima pagina questa? E i responsabili politici di queste morti non sono forse più colpevoli di Fede o o di Mora? E la chiusura di Phonemedia con 11.000 persone lasciate a casa senza alcun sostegno non è più importante del culo di una escort? E la bomba a orologeria della disoccupazione giovanile di massa del Sud, di un pompino? Ho una sensazione di sgomento. Evito persino di passare vicino alle edicole per non dover vedere i titoli dei giornali. La televisione è spenta da mesi. On line evito i siti di informazione italiani, ormai in competizione con Youporn. Perché avviene tutto questo? Per rottamare Berlusconi? Un cambiamento politico per via sessuale non cambierebbe nulla. Tolto di mezzo Berlusconi ci rimarrebbe l’Aids del berlusconismo. Tutto cambierebbe per non cambiare nulla. Il processo va fatto agli italiani. Dobbiamo cambiare noi se vogliamo realizzare un Paese migliore. Berlusconi è un feticcio, non esiste, un tizio che tiene a casa un mafioso pluriomicida per anni non può diventare presidente del Consiglio contro la volontà dei cittadini. E’ l’alibi nazionale per non fare mai nulla. Berlusconi ha il potere che il Paese e i partiti (tutti i partiti) gli hanno attribuito. Il MoVimento 5 Stelle è scomparso dall’informazione, ma non dai tribunali. Sono sempre più numerose le denunce contro suoi sostenitori. Per questo sarà attivo a giorni lo “Scudo della Rete“, per fornire assistenza legale. Loro non molleranno mai( ma gli conviene?). Noi neppure.

http://www.beppegrillo.it/2011/01/comunicato_politico_numero_quaranta/index.html

Il MoVimento che non c’è

Il MoVimento 5 Stelle non esiste così come non esistono i suoi quattro consiglieri regionali, le sue decine di consiglieri comunali, il suoprogramma e i suoi elettori, ben mezzo milione solo alle scorse regionali nelle cinque regioni dove si è presentato. Lo affermano i giornali che non ne scrivono o lo diffamano, in questo si distinguono i filosofi cialtroni della sinistra, i telegiornali che lo ignorano, le radio della Confindustria che lo ridicolizzano. Insomma l’informazione italiana al gran completo con qualche eccezione a livello di singolo giornalista. Questo silenzio abnorme è un buon segno, un ottimo segno, un grandissimo segnale almeno per due motivi. Il primo è che il MoVimento 5 Stelle è “altro” rispetto al Sistema, il secondo e più importante è che non può essere omologato ai partiti e alle lobby che li sostengono. Siamo sulla strada giusta. La politica senza soldi li terrorizza. Il loro silenzio è una conferma.

“Sogno e son desto”

A voi che leggete, voglio condividervi un sogno perchè questo credo sia il modo migliore per renderlo vero, concreto.
Lo scorso anno il 3 e 4 ottobre, il convegno organizzato dall’Associazione MAIA e altre associazioni, sui Comuni Virtuosi dal titolo: “Un sogno in… Comune
Percorsi virtuosi nel paesaggio delle Pubbliche Amministrazioni” Ebbene è passato un anno e credo l’esigenza che questi temi e la consapevolezza che essi possano davvero determinare il cambiamento, sembra davvero cresciuta, vista anche la situazione che vive la nostra piccola comunità, isolana. Da questa esigenza è nato questo secondo incontro.
Potremmo dire che è Un sogno che continua. “Solo sognando insieme potremo realizzarlo attraverso l’abbandono di quel senso di onnipotenza, che spesso ci fa sentire esclusivi, e capire che singolarmente siamo solo frammenti di un progetto più grande che dobbiamo costruire tutti insieme. Un progetto che non sia solo di denuncia e di protesta, ma di proposta.” (francesco gesualdi).

Questo secondo appuntamento è promosso dall’associazione di Volontariato MAIA, in collaborazione del Gruppo Insieme per Procida e del Movimento 5 Stelle Ischia e Procida
Si comincia lunedì 25 ottobre alle ore 18.00 presso l’albergo La Vigna. Il titolo scelto è: Sogno e son desto le scelte possibili per un futuro migliore e sostenibile .
Un incontro pubblico per riflettere su un tema: Nuovi stili di vita, le scelte responsabili come opportunità! Come tutelare ambiente e diritti umani, creare occupazione e migliorare la nostra qualità di vita.

Cercheremo attraverso un viaggio che sarà il racconto di esperienze vissute dai protagonisti Michele Dotti e Vincenzo Cenname, di capire come temi quali i diritti umani, la sostenibilità ambientale, la giustizia sociale e lo sviluppo non siano in antitesi tra loro ma possono camminare insieme.
L’incotro sarà di Acciaroli, Angelo Vassallo, perchè il deisderio è quello che questo sia il primo di una serie di incontri per valorizzare la politica comunale virtuosa e modelli di sostenibilità amministrativa
Lo stesso tema verrà trattato martedì 26 ottobre da Michele Dotti che incontrerà le classi 4 e 5 dell’istituto superiore di Procida ad indirizzo sociopsicopedagogico, con un taglio educativo che promuova il senso civico e la responsabilità negli alunni, nella consapevolezza che non si può parlare di diritti di tutti senza riflettere sui doveri di ciascuno.

A conclusione dell’icontro ci sarà una cena conviviale con buffe freddo. Vi chiediamo di portare per favoei un bicchiere. Aaiutiamo l’AMBIENTE! Continua a leggere