Il M5S in piazza con Gazebo Informativo

Il M5S Procida in piazza Marina Grande domenica 10 novembre 2013 in occasione della Settimana Europea per la Riduzione del Rifiuti.

m5s procidaIl MoVimento 5 Stelle Procida in occasione della Settimana Europea per la Riduzione del Rifiuti che si terrà in molte città italiane dal 16 al 24 novembre, ha scelto di essere presente in piazza e precisamente a Marina Grande per promuovere la virtuosa ed improcrastinabile pratica della riduzione della produzione giornaliera del rifiuto. Lo fa con una settinana di anticio soprattutto per sensibilizzare e organizzare la partecipazione con i cittadini di Procida alla manifestazione in difesa della Terra dei Fuochi da titolo STOPBIOCIDIO, che si terrà il 16 novembre 2013 a Napoli con un corteo che si terrà a Napoli con partenza da Piazza Mancini vixino la stazione di P- Garibaldi. Questo il link all’evento facebook per tutte le info.

Stamattina a partitre dalle ore 1030 fino alle 13.00 il MoVimento 5 Stelle Isola di Procida sarà in piazza Marina Grande
vicino la chiesa con i suoi attivisti per un gazebo informativo.
meetup in piazza.jpg

Obiettivo informare i procidani su quelle che sono gli espedienti e i piccoli accorgimenti che senza compromettere in nulla la comodità delle nostre abitudini, anzi ampliandola, possono influire drasticamente sulla riduzione giornaliera dei rifiuti, in buona parte figli dell’inutilità. Informare inoltre su quella che è la realtà della situazione della RD sul nostro territorio (costi di gestione, modalità di raccolta e possibili miglioramente da attuare con il contributo di tutti).

settimana_europea_riduzione_rifiutiIn un momento delicatissimo che vede scoppiare agli ordini della cronaca lo scandalo della Terra dei Fuochi da cui non siamo esenti da responsabilità, vedi le dichiarazioni del pentito Schiavone, Procida ancora pensa di poter gravare sulle oramai sature discariche napoletane, è giunto il momento di una forte presa di coscienza che deve partire dal cittadino e dalle sue quotidiane abitudini.
Il messaggio sarà forte per la nostra Amministrazione affinché comprenda con chiarezza la necessità di incentivare e premiare i comportamenti virtuosi dei cittadini, adottando tutte quelle misure che sappiano bilanciare la virtù e l’impegno che essi sanno profondere con sgravi economici e riduzioni della tariffa sui rifiuti in continuo e costante ingiustificato aumento.

Anzi, sarebbe il caso che, si incentivasse di più la riduzione dei rifiuti. A tal proposito il M5S ha presentato al protocolla del Comune di Procida lo scorso aprile, una proposta in suddivisa in 3 semplici punti che va in questa direzione. Attendiamo ancora una risposta. Da Capezzuto e assessore alla monnezza solo silenzio.

Bisogna andare verso una RD spinta porta a porta seria, in modo che poi quella parte variabile della tariffa (in base ai rifiuti prodotti) possa essere ridotta per premiare i cittadini virtuosi che producono meno rifiuti. Ad oggi un comune che secondo i dati MySIR sostiene di avere una percentuale di raccolta pari al 69%, non ha ancora abbassato la tariffa a fronte di un servizio che ci costa annualmente 2.982.245,44 milioni di euro interamente coperto con i soldi delle bollette dei cittadini. E’ ora di dire BASTA. Serve una amministrazione virtuosa rispettora dell’ambiente, del territorio e dei cittadini. Altrimenti vadano a casa. Serve aria pulita a Procida.

stopbiocidio

Comunicato politico numero trentanove

La fiducia al governo Berlusconi del 14 dicembre è un antico rito che si ripete. Il “popolo” (questa vecchia e sana parola) non ha nulla a che fare con chi voterà, per chi voterà, per quale motivo voterà. E’ una discussione interna a gruppi di potere rappresentati da burattini tramutati in leader dai peggiori giornali della Terra. La scissione tra il potere esecutivo e gli elettori è totale e manifesta nei manganelli quotidiani. Tutti e tre i poteri, esecutivo, legislativo e giudiziario, nella loro forma attuale, di delega senza indirizzo e controllo da parte dei cittadini, i veri proprietari dello Stato, non hanno più alcun senso, come non ne ha una Costituzione sulla carta eccellente, ma senza la minima possibilità di essere rispettata. Chi conosce la Costituzione? Molti non sanno neppure cosa sia, per non parlare dei suoi articoli, chi ne recita tre o quattro è considerato un genio della politica. Le ideologie sono pagine di Storia usate per giustificare il nulla del presente. Il Movimento 5 Stelle ha un programma, ma il M5S non è solo il suo programma. Il M5S vuole il rovesciamento della politica, della piramide, l’assalto ai forni dell’informazione autogestita dal potere, la centralità del cittadino in OGNI scelta che lo riguardi, la separazione tra capitalismo e rappresentanza democratica, un tetto ai patrimoni personali, leggi popolari discusse in via preferenziale rispetto alle leggi proposte dal Parlamento, referendum spontanei e propositivi senza quorum a livello comunale, regionale, statale. In altri termini, il M5S vuole l’ingresso del cittadino nella politica attiva, evento mai successo fino ad ora. La democrazia dell’uomo massa è il passato, la democrazia dove ognuno conta uno è il futuro. La trasparenza di ogni atto pubblico, permessa dalla Rete, la responsabilità individuale, la politica come servizio civile a tempo sono le basi e il presupposto per evitare le incrostazioni del potere, le camarille, i leader a vita che occupano la cosa pubblica come delle zecche, le stragi impunite. Il M5S non è solo e non è originale, i suoi obiettivi sono gli stessi di partiti islandesi, svedesi, di movimenti statunitensi, fa parte di una tendenza irreversibile, come è successo per altre forze in differenti periodi storici. Assange è solo l’annuncio del cambiamento. La democrazia dominata dal capitale, dagli eletti per censo come Berlusconi e la Moratti, dei segreti di Stato in opposizione al diritto di sapere dei cittadini, dei Parlamenti sottratti alla volontà e al controllo popolare, questo simulacro di democrazia è finito per sempre. I suoi simboli esteriori, le macchine blu, le toghe di ermellino, le scorte, l’immunità parlamentare sono reliquie da cancellare. Appartengono alle catacombe. Il futuro non è ancora scritto, ma il passato è già sepolto. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure

Liberi fischi in libero Stato – Marco Travaglio

passaparola

Buongiorno a tutti, mi scuso ma oggi parliamo, a vario titolo, ancora della seconda e della terza carica dello Stato. Cominciamo dalla terza che ieri ha parlato ha Mirabello, in Provincia di Ferrara, non ha detto cose sensazionali. Ascoltate da noi non sono cose sensazionali, sono cose che sappiamo e ci diciamo dal 1994, quando Berlusconi entrò in politica, mi venivano in mente gli articoli di Montanelli del 1993, addirittura poco prima che Berlusconi entrasse in politica, ma Montanelli già l’aveva saputo, nei quali si diceva cos’è la destra, cosa dovrebbe essere la destra e si prevedeva cosa sarebbe stata quella che Montanelli chiamava questa truffa, questa patacca di destra che Berlusconi aveva in mente.

Continua…